Notizie Nazionali Cronaca

Coronavirus, i contagi crescono meno rapidamente. Altre 601 vittime, 50 meno di ieri

L’appello: continuate a restare in casa

Print Friendly and PDF

Lentamente ma continua la decrescita dei nuovi positivi al virus. Gli italiani attualmente positivi al Covid 19 sono 3780 in più rispetto a ieri, quando quando l’incremento era stato di 3.957. È una discesa più lieve di quelle degli ultimi quattro giorni ma se non altro non c’è la temuta inversione del trend. Come non c’è sui decessi. Quelli di oggi sono 601, esattamente 50 in meno di ieri. Anche se con i nuovi decessi superiamo il tetto dei seimila. Per l’esattezza 6.077. 

I guariti sono invece 408 nelle ultime 24 ore, meno della metà di ieri.

La prima linea lombarda manda segnali contraddittori. I positivi sono 1.025 in più, circa il doppio rispetto al l’incremento di ieri. Mentre a Milano si contano 137 casi in più. Una crescita quasi dimezzata che fa ben sperare sull’esito di una battaglia ritenuta decisiva dagli epidemiologi. E come sottolinea l’assessore al Welfare, Giulio Gallera, per la prima volta scende da 9.439 a 9.266 il numero dei ricoverati, che per gli ospedali Lombardi allo stremo è una discesa che equivale a una boccata di ossigeno. Anche se oggi sono stati occupati 41 posti di terapia intensiva in più. Ma i posti letto Covid non di intensiva possono sempre essere riconvertiti e consentire il ricovero dei pazienti più gravi da intubare. Salgono sempre in misura più decisa i positivi in Emilia Romagna. Oggi sono 830 in più di ieri e il trend disegna una curva sempre più in salita. Più o meno stabile l’andamento nelle altre regioni, con il Lazio che, in base ai dati forniti dalla Regioni passa dai 193 casi in più di ieri ai 157 di oggi.

I dati di oggi ci dicono però che stiamo ancora camminando su un filo di lana, che a piccoli passi può portarci alla fine di quest'incubo o farci precipitare nella catastrofe. "Sono giorni cruciali. Guai ad abbassare la guardia", è infatti l'appello del ministro della salute, Roberto Speranza. Parole simili le ha pronunciate anche il Presidente dell'Istituto superiore della sanità, Silvio Brusaferro, ricordando che l'esito della battaglia si gioca tutto sul rispetto delle regole: Ossia non muoversi da casa. "E questo vale soprattutto nelle regioni dove il virus circola ancora meno ma dove dalle foto di oggi sui giornali ho visto ancora troppa gente nelle strade", ha lamentato il professore.

 

 

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
23/03/2020 20:06:20


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Coronavirus: rallenta il contagio in Lombardia, solo in Liguria aumentano i casi (56) >>>

Morto a 72 anni Guglielmo Mollicone, padre di Serena, uccisa ad Arce 19 anni fa >>>

Il 3 giugno dà il via al Frecciarossa Torino-Reggio Calabria >>>

Zangrillo, San Raffaele: “Il coronavirus clinicamente è sparito, torniamo alla vita normale” >>>

Il sindaco di Avellino in maxi assembramento con ragazzi, è bufera >>>

Coronavirus, il bollettino: 355 nuovi contagi, il 59% in Lombardia >>>

Coronavirus, Corte dei Conti: privilegiati i grandi ospedali, territorio indifeso >>>

Gilet arancioni ed estrema destra in piazza senza mascherine >>>

Spostamenti, 5 divieti resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno >>>

Coronavirus, il bollettino: scendono a 416 i nuovi casi, migliora la Lombardia >>>