Rubrica Emilia Romagna

Tra ponti e canali: Comacchio

Simbolo cittadino è il Ponte Pallotta

Print Friendly and PDF

Sorta agli albori del Medioevo, Comacchio vanta il centro storico più originale ed affascinante nel Parco Delta del Po, con il suo aspetto originario caratterizzato da ponti e canali che si adagiano in mezzo ad estese lagune. Si può a ben ragione definire una città lagunare incantevole, graziosa e vitale, dove la luce del mare riempie gli spazi urbani riflettendosi sui canali. Quando si parla di Comacchio inevitabilmente il pensiero corre subito alla sua gastronomia, ai sapori forti del Delta e alle note anguille.

Nella valli di Comacchio, infatti, l’anguilla trova il proprio habitat naturale che le permette di vivere e di riprodursi e ancora oggi, sfruttando le maree, si utilizzano antiche tecniche di pesca come il lavoriero, un intricato sistema di cattura costituito da camere comunicanti. Sono ben 48 i piatti a base di anguilla che si possono preparare, che sia un delicato risotto o un brodetto fino alle grigliate. Ecco allora che, per tutti i buon gustai e i golosi delle specialità dell’Emilia Romagna, la Sagra dell’Anguilla è un appuntamento da non perdere. Torna per la 16 esime edizione a stuzzicare i palati di chi si trova a Comacchio per tre weekend a partire dal 27 settembre fino al 12 ottobre, con ricette tipiche da gustare tra i ponti e i canali della Piccola Venezia. Accanto ai piatti più prelibati vengono organizzati eventi che spaziano dalla cucina allo sport, dalla musica allo spettacolo, dal turismo all’arte, da scoprire grazie al consorzio Visit Ferrara, che abbraccia più di 70 operatori del turismo di tutta la Provincia ferrarase.

C’è chi approfitta per fare un giro sulle barchette che fanno capolino tra i ponti, chi si tuffa alla scoperta della città, chi si destreggia in prove di navigazione. Ogni domenica va in scena la Gara dei Vulicepi, una sfida tra vogatori che poi si esibiscono nella regata finale e per i 3 weekend resta aperta la storica Pescheria, con i suoi secoli e banchetti in marmo. Grazie al consorzio Visit Ferrara si può scegliere il pacchetto “Sagra dell’Anguilla, da non perdere”, con la formula di una o 2 notti in hotel, per 2 o 3 giorni di vacanza. Il primo giorno si arriva a Ferrara Ravenna, si visita la città pranzando in ristorante tipico e cenando a base di pesce.

Il secondo giorno si parte alla volta di Comacchio per immergersi nell’atmosfera della Sagra e visitare il museo della Manifattura dei Marinati e ci si imbarca poi per un tour nell’ecomuseo delle Valli di Comacchio con i suoi antichi casoni in cui si lavoravano le anguille. Nel programma di 3 giorni e 2 notti, invece, per il secondo giorno è previsto un giro nel basso ferrarese e nel territorio del Delta del Po, fino alla regale Abbazia di Pomposa, Sono in programma anche degustazione di prodotti tipici e un viaggio in barca da Gorino, con prezzi da 110 euro. L’offerta “A Comacchio per la Sagra dell’Anguilla”, da 99 euro a persona, prevede 2 giorni e una notte compresa un’escursione in battello tra le Valli e la Manifattura dei Marinati, cena di pesce nello stand gastronomico della Sagra e visita guidata alla città.

Passeggiare per Comacchio significa ammirare il Canale Maggiore e la miriade di ponti, tra cui il Ponte di San Pietro e il Ponte degli Sbirri che proiettano il visitatore nell’atmosfera medievale. Simbolo cittadino è il Ponte Pallotta, meglio conosciuto con il nome di Trepponti, raggiungibile dalla pittoresca piazzetta della Pescheria, da cui parte la fitta rete di canali. Dal Ponte di San Pietro si ha una bella visuale dell’ex Ospedale di San Camillo nel suo stile neoclassico e della piccola Chiesa di San Pietro. A completare un quadro già molto interessante ci sono poi il Museo del Carico Nave Romana dove si può vedere la nave romana d’epoca imperiale Fortuna Maris, il Palazzo Vescovile, la Loggia del Grano, la Torre dell’Orologio, la Cattedrale di San Cassiano, Palazzo Bellini oggi sede della Galleria d’Arte comunale. Rimanendo in tema di arte il Museo di Remo Brindisi ospita un’esposizione di opere di Picasso, Modigliani, De Chirico, Guttuso e Fontana: si trova in località Lido di Spina, uno dei sette lidi di Comacchio inseriti all’interno del Parco Regionale del Delta del Po.  

La Stampa
© Riproduzione riservata
20/02/2018 10:51:45


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Emilia Romagna

Fortezza di Bardi >>>

Castello di Torrechiara >>>

Santarcangelo di Romagna >>>

Il Castello di Rivalta >>>

Brisighella è uno dei borghi più belli d'Italia >>>

Il Castello di Torrechiara >>>

Museo Lamborghini nella terra dei motori >>>

La Basilica di San Vitale a Ravenna >>>

Le leggende del Duomo di Modena >>>

Tra ponti e canali: Comacchio >>>