Economia L'Esperto

Ecco le foto postate online che scatenano l'ira del Fisco

gli evasori del Fisco che dichiarano poco e che mostrano la vita di lusso sui social

Print Friendly and PDF

Le foto sui social sono una delle armi che il Fisco usa per colpire i contribuenti. Di fatto alcune sentenze hanno già stanato alcuni evasori condannandoli a durissime sanzioni. In Italia questa prassi che monitora i social e le foto per stimare lo stile di vita e l'eventuale presunta evasione è sul campo dal 2016 con una circolare delle Entrate in cui vengono chiariti gli indirizzi operativi: "Alle notizie che si possono ottenere dalle banche dati si aggiungono quelle che pervengono da altre fonti, ivi incluse fonti aperte". Per "fonti aperte" si intendono anche siti interne o social network. E questi elementi vengono monitorati per conoscere la situazione del contribuente e verificare i redditi in entrata con l'attività che esercita. Il primo a pagare a caro prezzo un accertamento del Fisco partito da verifiche sui social è stato un maniscalco che lavorava in nero ma che sui social mostrava foto indicative di un tenore di vita piuttosto alto. E così la Corte di Appello di Brescia nel suo verdetto si riferisce chiaramente a "documentazione estratta da Facebook". Poi, nel 2017, è stato il turno, come ricorda ilCorriere, di una sentenza della Corte di Appello di Ancona. In questo procedimento un marito è stato condannato a pagare il mantenimento alla moglie dopo un'analisi attenta del materiale postato dall'uomo sui social network. E un altro caso si è verificato a Pesaro. Un imprenditore ha pagato a caro prezzo alcune foto postate sui social di alcune vacanze negli alberghi di Madonna di Campiglio. Al Fisco però dichiarava solo 11mila euro l'anno.

Anche lui è stato condannato a versare il mantenimento alla moglie. Insomma, sempre di più il Fisco usa questi strumenti per portare avanti gli accertamenti e soprattutto per mettere con le spalle al muro il presunto evasore in fase di procedimento. E il modello italiano adesso è stato "copiato" anche in Francia con una rforma tributaria che prenderà il via proprio con la Finanziaria per l'anno 2020. Ad annunciarlo è stato con un tweet lo scorso 27 dicembre, il ministro dei Conti pubblici, Gèrald Darmanin. In Francia il nuovo sistema ha però suscitato diverse polemiche e proteste. Ma di fatto la "second life" che spesso viene mostrata sui social ha il sapore di un effetto boomerang. Basta una vacanza, o uno scatto su un'auto di grossa cilindrata, per accendere i sistemi di alert del Fisco. In Italia la stretta sull'evasione varata dal governo giallorosso andrà ad accentuare i controlli e le verifiche nei prossimi 12 mesi con un gettito stimato di tre miliardi di euro. I social dunque sono diventati in poco tempo i migliori alleati della lotta all'evasione.

Notizia e Foto tratta da Il Giornale
© Riproduzione riservata
13/01/2020 13:38:40


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio L'Esperto

Per l'economia sarà un 2021 a due facce >>>

Andare in pensione nel 2021? Come sfruttare l'ultima uscita >>>

Bonus mobili a 16mila euro aiuto concreto per cittadini e imprese >>>

Come salvare il conto corrente dall'incubo della patrimoniale >>>

Il terrore della patrimoniale: cosa fa chi nasconde i soldi del conto corrente >>>

Prelevate per i regali di Natale? Occhio a queste somme in contanti >>>

I 3 errori da non commettere mai con i soldi sul conto corrente >>>

Avete già prelevato questi soldi? Ora scatta l'inferno dei controlli >>>

Patrimoniale, riparte la paura. Casa e risparmi già nel mirino >>>

Arriva lo shampometro contro l’evasione fiscale dei parrucchieri: di cosa si tratta >>>