Notizie Locali Cronaca

Droga "ordinata" tramite WhatsApp: stroncato un traffico tra Sansepolcro e l'Umbria

Brillante operazione portata a termina dagli uomini della Guardia di Finanza di Città di Castello

Print Friendly and PDF

La Guardia di Finanza di Città di Castello, dopo un anno di indagini è riuscita a stroncare un ingente traffico di stupefacenti arrestando tre persone e segnalando 13 consumatori alle prefetture di Perugia e Arezzo. Il parcheggio di un grande centro commerciale di Sansepolcro era diventato un grande supermercato dello spaccio. Tra i consumatori c'erano anche degli aretini, che raggiungevano velocemente Città di Castello e le sue frazioni, dove acquistavano i stupefacenti. La cocaina veniva ordinata tramite WhatsApp, con parole in codice e veniva pagata in anticipo. Per ricostruire tutto il modus operandi dello spaccio, le fiamme gialle hanno svolto appostamenti per alcuni mesi e sono risaliti a movimenti, contatti e cessioni grazie ad una attenta analisi dei tabulati telefonici. Sansepolcro era diventato un punto fondamentale, in particolare il parcheggio di un noto centro commerciale, dove gli spacciatori si sarebbero recati dopo essersi accordati con i "clienti". L’operazione, denominata “Biancaneve”, ha provveduto all’arresto di un imprenditore 46enne, originario di San Giustino e da tempo sotto osservazione. Era stato sorpreso insieme alla moglie a bordo della propria auto mentre trasportava, nascoste sotto il sedile ben 500 dosi. Nella perquisizione della sua abitazione, sono stati rinvenuti 7mila euro in contanti (provento di spaccio), un bilancino di precisione, diverse sostanze da taglio e materiali per il confezionamento. Nella rete è caduto anche un 28enne di Città di Castello, sorpreso a spacciare davanti a un bar di periferia. Per sventare i controlli, lo spacciatore nascondeva le dosi di cocaina, già confezionate e pronte per la vendita, all’interno di una torcia elettrica. Era proprio lui che, nei mesi precedenti, si era recato a Sansepolcro e aveva incontrato i consumatori biturgensi per cedere la cocaina. Le Fiamme Gialle hanno ricostruito ben 230 episodi di spaccio e segnalato 9 persone alla prefettura di Perugia e 4 (originari di Sansepolcro) a quella di Arezzo, di età compresa tra i 29 e i 54 anni, in quanto assuntori di droga. Un cliente, nel giro di pochi mesi, è arrivato a spendere oltre 10mila euro per l’acquisto della coca.

 

Redazione
© Riproduzione riservata
01/10/2019 16:47:19


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Arezzo: fermati in A1 con oltre 300 tra carte di credito e bancomat rubati >>>

La Verna, escursionista di 58 anni colto da malore mentre tenta una scalata >>>

Weekend movimentato in Casentino per la ripresa della "movida" >>>

Truffa del resto in Valtiberina: pagavano piccole cifre con banconote di grande taglio >>>

Coronavirus: due nuovi positivi in Umbria >>>

Terremoto in Valtiberina, serie di scosse tra Pieve e Caprese Michelangelo >>>

Cade dalla pianta compiendo un volo di tre metri: grave 75enne di Camucia >>>

Monte San Savino: carabinieri sventano un furto ed arrestano l’autore >>>

Covid-19: una bimba di tre anni il nuovo caso di oggi nell'Aretino >>>

Sansepolcro: scontro frontale vicino al Trebbio, ferita una donna >>>